Genomica: una buona etichetta per attirare fondi

Il 26 giugno del 2000 in una conferenza stampa alla Casa Bianca, Bill Clinton e Tony Blair annunciano al mondo il raggiungimento di un traguardo unico: il completamento della sequenza del genoma umano. Anni di competizione tra un consorzio pubblico e Craig Venter fondatore dell’azienda privata Celera Genomics.
Il completamento della mappatura del DNA umano arrivò senza vinti nè vincitori poichè i contendenti accettarono all’ultimo minuto una scelta politica di non belligeranza pubblicando contemporaneamente i risultati su Nature e Science.
Questa rincorsa alla gallina dalle uova d’oro alimentò aspettative esagerate, dispensando premature ed azzardate promesse. Tests di diagnosi precoce, nuovi farmaci e la nascita della medicina personalizzata sembravano a portata di mano ma il decennio successivo ha progressivamente spento gli entusiasmi e la fiducia di successi a breve, medio termine.
Proprio come qualsiasi altra scoperta anche quella del genoma mostra oggi la sua strada in salita, a partire da quello che appare più realisticamente un punto di partenza piuttosto che un punto di arrivo. Un risultato senza dubbio importante ma sicuramente ben pubblicizzato allo scopo di attirare fondi e risorse, a discapito di altre discipline ed altre ricerche altrettanto importanti.

Claudio Santi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...