IL FUTURO E’ RINNOVABILE

Image

A quattro anni dal referendum con il quale nel 2011 gli italiani hanno confermato il loro NO al nucleare possiamo con soddisfazione confermare che quella fu la scelta giusta.  Ragionando sulla base di stime ottimistiche le prime centrali nucleari sarebbero state pronte non prima del 2025 ed oggi il fotovoltaico in Italia, con gli oltre 18000 MWp installati (il doppio rispetto a quelli del 2011), produce l’equivalente di due centrali da 1600 MW. Fra un decennio le energie rinnovabili, anche se ostacolate dalla politica, dai grandi gruppi economici, e da una tendenza tutta italica ad ostacolare aprioristicamente qualsiasi innovazione,  ci forniranno l’energia che avrebbero prodotto le 4 centrali nucleari previste dal governo Berlusconi + l’energia fossile che il ministro Passera prevede di ricavare dallo sfruttamento dei giacimenti nel sottosuolo dell’Adriatico.

Due sono le strade maestre per raggiungere l’indipendenza energetica nel rispetto dell’ambiente: risparmio energetico e sviluppo delle energie rinnovabili. In Italia l’incremento delle rinnovabili negli ultimi anni è stato secondo solo a quello della Germania ponendoci ai vertici delle nazioni leader industriali nel settore. Basterebbero i tetti di 700 mila capannoni industriali per ottenere tutta l’energia elettrica che ci serve, basterebbe solo un po’ di lungimiranza e meno ostruzionismo acritico ed assolutamente non supportato da nessuna evidenza scientifica ne economica.

Claudio Santi

Dati dal blog della Società Chimica Italiana
Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

ESISTE UN SOLO MODO PER EVITARE I RISCHI DELLO SMANTELLAMENTO DI ARSENALI CHIMICI: NON PRODURLI

Immagine

Si fa un gran parlare in questi giorni delle navi che dalla Siria porteranno nel porto di Gioia Tauro alcuni dei container contenenti i prodotti sequestrati dagli arsenali chimici di Assad e che verranno distrutti in acque non territoriali sotto il controllo delle Nazioni Unite e dell’OPCW. Chiaramente stiamo parlando di prodotti potenzialmente pericolosi anche se, alcuni di essi, non esseno ancora assemblati nell’ordigno finale non sono allo stato attuale niente di più che un normale pesticida. Chiaramente il trasporto avverrà con mezzi ed infrastrutture che, a norma di legge, ne debbono garantire la totale sicurezza, ed il porto di Gioia Tauro è in grado di garantire un adeguato standard di sicurezza per le navi che trasportano materiale chimico anche potenzialmente pericoloso. Un altro punto sul quale occorre fare chiarezza è che questi prodotti non verranno sversati in mare cosi come molti pensano ma verranno portati in acque non territoriali, quindi alla massima distanza da tutte le coste e li fatti reagire in opportuni reattori per trasformali in sostanze meno pericolose senza l’utilizzo di acqua di mare.  Nemmeno i prodotti finali verranno versati in mare ma, una volta riportati a terra, dovranno seguire le  procedure di smaltimento previste dalle vigenti normative ambientali. E’ chiaro che tutta l’operazione può comportare dei rischi (legati soprattutto a possibili incidenti o errori umani nelle varie fasi della lavorazione) ed il tutto comporterà anche un inevitabile impatto ambientale, poiché si dovranno smaltire tonnellate di rifiuti inutilmente prodotti. Il vero problema è che allo stato attuale non c’è alternativa se non quella che il sequestro ha cercato di evitare ovvero l’uso di questi ordigni in azioni di guerra o in rappresaglie contro la popolazione civile inerme. Come sempre vale il vecchio adagio “meglio prevenire che curare” per cui l’unica vera soluzione sarebbe stata quella di impedirne la produzione, e personalmente non posso che confermare la mia ferma posizione di rifiuto nei confronti di qualsiasi forma di violenza, in primis la guerra e di tutto ciò che ad essa è direttamente o indirettamente correlato, a partire dalla produzione e dal commercio delle armi.

Claudio Santi

 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Non è il momento di tirar bombe ma di riflettere

E’ arrivato anche a Perugia l’allarme bomba alla sede di Equitalia! Vero o falso che sia poco conta, denota il crescere di una tensione sociale della quale siamo tutti responsabili perchè figlia di quel degrado etico e morale di cui siamo tutti, in quota parte, complici ed artefici.
Non credo sia il momento di tirar bombe quanto piuttosto di avviare una profonda e collettiva riflessione:
Deve riflettere chi ha evaso le tasse,
Deve riflettere chi ha accettato e chi ha pagato tangenti per un appalto,
Deve riflettere chi, quella volta, per quel posto di lavoro, non ha esitato a fare “quella telefonata”,
Deve riflettere chi ha cercato un ruolo politico per il proprio tornaconto,
Deve riflettere chi ha venduto il suo voto alla promessa di un favore,
Deve riflettere chi si è sentito libero ed autorizzato a non pagare quel biglietto,
Deve riflettere chi la fattura ha trovato conveniente non farsela fare,
Deve riflettere chi il mattino, arrivato sul posto di lavoro, timbra il cartellino prima di parcheggiare,
Deve riflettere chi, per non pagare il parcheggio, occupa il posto degli invalidi,
Deve riflettere chi permette tutto questo,
Deve riflettere chi non fa coscientemente il proprio lavoro,
Deve riflettere chi ha creduto che il futuro potesse essere un’ “Isola” o un “Grande Fratello”,
Deve riflettere chi ha prodotto informazione spazzatura,
Deve riflettere chi ha richiesto informazione spazzatura,
Deve riflettere chi ha truffato l’assicurazione perchè tutti lo fanno,
Deve riflettere chi ha telefonato al medico per un certificato di una malattia inesistente,
Deve riflettere quel medico che quel certificato lo ha comunque firmato,
Deve riflettere chi ha arrotondato in nero ,
Deve riflettere chi pensa solo al proprio futuro,
Deve riflettere chi ha foraggiato le casse della malavita perchè uno spinello non ha mai fatto male a nessuno,
Deve riflettere chi ha taciuto per paura o peggio ancora per indifferenza,
Deve riflettere chi pensa che scrivere il proprio stato su FaceBook sia un impegno sociale sufficiente,
Deve riflettere chi parla bene e pratica male ma anche chi si limita solamente a parlare,
Deve riflettere chi si sente estremamente furbo,
Deve riflettere chi ha detto almeno una volta “lei non sa chi sono io”,
Deve riflettere chi pensa che tutto è sempre colpa di qualcun altro ,
A questo punto, se qualcuno davvero riuscisse a sentirsi esonerato da almeno una di queste riflessioni sono sicuro che avrebbe anche il buon senso per capire che :
non è il momento di tirar bombe ma di riflettere

Claudio Santi

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Made in Green China

20111208-135101.jpg

Siamo abituati a considerare la green economy come una prerogativa del mondo occidentale, quasi una risposta sttrategica ed obbligata al boom economico-produttivo della inquinante Cina. Meno frequentemente invece consideriamo che se da un lato è vero che Pechino rimane ancora il principale inquinatore mondiale dall’altro è anche il maggiore produttore mondiale di fotovoltaico e il leader dell’eolico. Nel 2010 gli investimenti cinesi in tecnologie pulite sono stati quattro volte superiori a quelli americani. Migliorando la sua efficienza energetica del 19 % dal 2005 ad oggi la Cina ha ridotto le emissioni di 1,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, con un piano di mglioramento che raggiungerà una efficienza del 40 – 45 per cento entro il 2020. Investirà 250 miliardi di euro nei prossimi 5 anni per lo sviluppo di un’economia a bassa intensità di carbonio con la produzione, entro il 2015, di unmilione di auto elettriche.
È così che a Durban la Cina, dichiarandosi disposta ad un’intesa per un taglio obbligatorio dei gas serra a partire dal 2020, si smarca dall’immobilismo e dalla deludente retromarcia dagli Stati Uniti di Obama aprendo un spazio di intesa con l’ Europa in un accordo che non è assurdo immaginare possa coinvolgere anche altri importanti paesi come Brasile, Sudafrica, Messico, Australia e Nuova Zelanda.
La Cina quindi, dopo essere stata protagonista negativo nella lotta ai cambiamenti climatici oggi, spinta anche dalla preoccupazione della desertificazione, dell’inquinamento delle falde acquifere e delle conseguenze disastrose degli sconvolgimenti climatici, ha deciso di proporsi oggi come leader mondiale nella rivoluzione verde. Il 2020 tuttavia non è proprio dietro l’angolo, ammesso che in questi anni non intervengano imprevisti politici e/o conomici a d inceppare la delicata macchina degli accordi internazionali, rimane aperto un dubbio: saremo ancora in tempo?

Claudio Santi

Pubblicato in ambiente e futuro sostenibile | Lascia un commento

O.G.M. Organismo Geriatricamente Modificato

“Oggi sappiamo che gli ogm miglioreranno l’umanita’, se tutti abbiamo la stessa conformazione perche’ non usare questa conformazione per trasferire un gene da un organismo a un altro?”. Con queste parole Umberto Veronesi torna a far parlare di se non per la brillante carriera di oncologo ma per le sue discutibili prese di posizione a fianco degli interessi delle multinazionali. Con la stessa convinzione con cui  qualche mese aveva aveva sostenuto la necessità del ritorno al nucleare oggi Veronesi esalta gli organismi geneticamente modificati attribuendo loro una dote quasi salvatica per l’umanità e la soluzione della fame nel mondo.
Soffermandosi sui dati sperimentali che dimostrano la mancanza di effetti tossici di alcune specie OGM di mais Veronesi dimostra di affrontare la problematica in maniera miope e fuorviante. Non è mai produttivo osservare un problema dallo spioncino dalle porta ma bisogna analizzarlo nella totalità delle interazioni con gli equilibri della Natura, delle varie specie viventi e rapportarlo con gli equilibri socio-economici delle società coinvolte.
Non è sufficiente affermare che un prodotto geneticamente modificato non è tossico o dannoso per l’uomo se non sono stati presi in considerazione i suoi effetti e danni sulla biodiversità dell’ecosistema e le conseguenze negative che il brevetto sul codice genetico di un alimento fondamentale per il nutrimento di intere popolazione può avere sullo sviluppo economico industriale ed agricolo di quelle stesse popolazioni.
Veronesi è uno scienziato e come tale non può non conoscere e non considerare tutto questo. Probabilmente in un periodo in cui il recupero degli equilibri naturali sta diventando il paradigma fondamentale della sostenibilita sarebbe necessario mostrare, almeno sul piano scientifico, una maggiore indipendenza culturale dai poteri che governano gli interessi economici globali e con essi anche i cordoni dei finanziamenti alla ricerca.
Claudio Santi
20111202-160241.jpg

Pubblicato in ambiente e futuro sostenibile | 2 commenti

L’ultimo videomessaggio

Silvio Berlusconi ha appena diramato il suo ultimo videomessaggio da Palazzo Chigi. Qualcuno lo aveva previsto , qualcun altro pensava che invece stavolta avrebbe avuto il buonsenso di mantenere un profilo basso, ed incassare il dissenso educato e fin troppo garbato delle migliaia di italiani che ieri sera hanno festeggiato per le strade e le piazze come se l’Italia avesse vinto i mondiali di calcio! La notizia delle dimissioni di Silvio Berlusconi è di quelle che rincuorano e danno speranza ad un popolo che ha dovuto sopportare l’onta internazionale dei festini a luci rosse, delle decine di leggi ad personam, della compravendita di parlamentari, delle amicizie scomode con dittatori e faccendieri, gli insulti alla dignità dei terremotati dell’Aquila, la perdita di credibilità di un paese utilizzato dalla cricca del presidente come un affare privato, la distruzione dell’istruzione, della cultura, della sanità, dell’ambiente, della cosa pubblica.
Un premier affaccendato a difendere i suoi interessi privati fino alla fine se è vero che ha cercato di trattare, nella resa, un salvacondotto per le sue vicende giudiziarie e garanzie per le sue aziende private.
Un re nudo, senza il controllo della situazione, obsoleto come quest’ultimo videomessaggio con il quale cerca disperatamente di tamponare un emorragia di consensi che tutti ci auguriamo possa essere da oggi definitiva.
Esce di scena così come vi era entrato nel 1994, quando un videomessaggio in VHS aveva rappresentato una novità assoluta sul piano comunicativo, tanto innovativo da cogliere di sorpresa ed incantare migliaia e migliaia d’italiani. Quello del videomessaggio oggi, nell’era di internet, della TV interattiva, dei talk-show con contraddittorio non rappresenta più una novità, puzza di stantio, di autoreferenziale e lo si associa molto più adeguatamente ai disperati appelli di dittatori in fuga braccati dalla rivolta del proprio paese.
Silvio Berlusconi, che sull’efficacia della comunicazione aveva fondato la fortuna di un partito assolutamente inconsistente sul piano dei contenuti e delle presentabilità personali, oggi commette il suo ultimo, ed auguriamoci definitivo, errore politico proprio sul piano della comunicazione, recitando l’improbabile ruolo della vittima sacrificata all’altare della patria, del condottiero responsabile pronto a farsi da parte per il bene del paese.
No caro Silvio, stavolta gli italiani non cadranno ai piedi del tuo sorriso ammaliatore, la nuca col riporto del vecchio marpione ha fatto molto più rapidamente il giro della rete, insieme alla gioia di chi cantava l’alleluia davanti al quirinale, insieme alle barzellette che hanno coperto di vergogna un paese un tempo ricordato per i suoi artisti ed i suoi scienziati. Tutto questo rimarrà nella mente e negli occhi degli italiani e non il tuo ultimo appello ad una nazione che hai sempre umiliato e sfruttato. Il tuo videomessaggio rimarrà stritolato da quella macchina dell’informazione e della comunicazione che tu per primo hai cavalcato e che oggi fortunatamente inizia a portare aria nuova, aria di democrazia, facilitando il recupero di quella coscienza civica, che per diciotto anni hai tentato di annientare.

Claudio Santi e Federica Sampaolesi

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | 2 commenti

Sculture di cioccolato

Pacchiana ostentazione di opulenza
20111016-105053.jpg

Oggi dalle 10 alle 18, ad eurochocolate il consueto atteso evento delle sculture di cioccolato in Corso Vannucci. A realizzarle alcuni fra i più celebrati artisti umbri alle prese con i giganteschi blocchi di fondente da un metro cubo, circondati da orde di eccitati visitatori che senza lesinare spintoni cercheranno di rimpizzarzi delle schegge che, inevitabilmente, cadranno a terra. Una scena quasi medievale, una ostentazione pacchiana e fuori luogo di opulenza che, in un periodo di crisi globale, sarebbe stato opportuno e doveroso evitare. A chi si affretterà a raccogliere le ” deliziose scaglie” vale la pena ricordare che nel mondo ogni tre secondi qualcuno, in maggior parte bambini, muore di fame e nelle otto ore di spettacolo “cioccolatoso” saranno 9600 le persone che non c’e la faranno a resistere alla povertà ed agli stenti. Questo non ci toglie il diritto di vivere in serenità e festa, anche gustando un prodotto delizioso come il cioccolato ma lo si faccia con maggiore sobrietà e maggior senso di responsabilità a partire dagli organizzatori e dalle multinazionali che lucrano su questi eventi e dalle amministrazioni che hanno il dovere di curare anche il decoro etico di ciò che avviene nella nostra città.

Claudio Santi

Pubblicato in sociale | Lascia un commento